Libri

DVD

Libro del Giorno

Newsletter

Inserisci la tua email per iscriverti alla newsletter di Libreria dello Sport

Proseguendo accetti la nostra informativa sulla privacy e acconsenti di ricevere messaggi informativi, promozionali e newsletter.
ANTROPOLOGO NEL PALLONE

ANTROPOLOGO NEL PALLONE

BARBA BRUNO

167

12 x 19

Libri

2007

Disponibilità: Il prodotto non è più in commercio.

€16,00

Fuori catalogo

Il rito, la tribù, i miti, le caste, le leggi, l’epica. E poi ancora, e soprattutto, il “campo”, ovvero il luogo dove accade tutto. Stiamo parlando di antropologia? Ma no, qui si parla di calcio! E a parlarne è guarda caso un antropologo (nonché calciatore dilettante... ma non troppo), che ha scoperto così tante coincidenze tra lo sport nazionale e la sua disciplina da incuriosire anche il lettore che di rigori e calci d’angolo non ne capisce troppo. Perché il calcio è un rituale, che si compie ogni santa domenica, e non solo, ed è straordinariamente ricco di simboli. Marcel Mauss lo avrebbe definito un “fatto sociale totale”, perché coinvolge l’attore della recita e la realtà sociale cui appartiene, lo spettatore e il giornalista. Specchio e insieme voce della società, il calcio condiziona la cultura da cui proviene e nello stesso tempo ne è condizionato. È sport, arte, creatività, fede, passione, riscatto sociale; è dramma, è mito; è gioia o amara disillusione di un paese intero. È, soprattutto, un gioco. Ma sta diventando, troppo spesso, business, ricchezza, successo, e anche violenza, arroganza, razzismo, “calciopoli”. Per l’autore, questo è certo, il calcio è soprattutto una straordinaria occasione (che non vuole considerare persa) di conoscenza, di incontro di popoli e culture, di proficua contaminazione, un veicolo di valori positivi, un esercizio di umanità e di godimento estetico, di umiltà e di bellezza, un’autentica miniera di possibilità umane.