Libri

DVD

Newsletter

Inserisci la tua email per iscriverti alla newsletter di Libreria dello Sport

Proseguendo accetti la nostra informativa sulla privacy e acconsenti di ricevere messaggi informativi, promozionali e newsletter.
SIGNORI DEI TRANELLI

SIGNORI DEI TRANELLI

CEI ALBERTO

117

15 x 22

Libri

2012

Disponibilità: Al momento non disponibile. Può essere disponibile in 15-20 giorni lavorativi dalla vostra richiesta

€18,00 €17,10

Risparmi € 0,90 (- 5%)

Compra

Nell'ultimo decennio il mondo dell'economia e quello dello sport sono stati segnati da un gran numero di scandali e fallimenti. Abbiamo assistito al crack di aziende come la Enron, quinto colosso finanziario americano, e della Parmalat, una delle imprese italiane di eccellenza, ma abbiamo vissuto anche la lunga stagione degli scandali sportivi: da quelli del doping che hanno distrutto il ciclismo e hanno coinvolto atleti famosi in tutti gli sport, sino a giungere al calcio in cui gli scandali sembrano non finire mai.

Viviamo in un periodo in cui vengono scoperte grandi truffe perpetrate da leader di successo e top performer sino a quel momento oggetto di ammirazione e adulazione da parte di tutti. L'inganno sistematico, diventato così condotta istituzionale, insieme all'avidità e all'arroganza dei leader ha rovinato grandi aziende e ridotto molte prestazioni sportive a espressione di trucchi farmacologici.

Questo libro costituisce una chiave di lettura di quali siano le ragioni per cui queste truffe abbiano trovato così grande spazio nel mondo attuale. E analizza le cause che determinano il perseguimento consapevole di forme di fraudolenza e come azioni isolate siano diventate modi standard di fare sport e business.

Le vicende raccontate mettono in luce veri e propri sistemi di truffa, non interpretabili in termini di atleti o manager isolati con profili devianti. A condurre queste operazioni sono persone vincenti che hanno messo da parte ogni istanza morale per perseguire solo il potere e l'arricchimento, nella convinzione di restare impuniti.

La guerra a questo sistema non deve essere condotta solo con l'inasprimento delle pene ma tramite la diffusione di una cultura fondata sulla responsabilità sociale, che evidenzi come integrare le richieste di essere al tempo stesso competitivi e etici.