Libri

DVD

Newsletter

Inserisci la tua email per iscriverti alla newsletter di Libreria dello Sport

Proseguendo accetti la nostra informativa sulla privacy e acconsenti di ricevere messaggi informativi, promozionali e newsletter.
PAZZA INTER

PAZZA INTER

TURRINI LEO

229

14,5 X 22,5

Libri

2007

Disponibilità: Il prodotto è Esaurito, ti consigliamo di controllare saltuariamente il sito per verificare l’uscita di una eventuale nuova edizione

€17,50

Esaurito/Non in commercio

Cento anni di una squadra da amare

Se l'Inter fosse soltanto una squadra di calcio, non si spiegherebbe la passione con la quale milioni di tifosi ne seguono le vicende. Pur essendo l'unico club in Italia a non aver mai patito l'onta della retrocessione in serie B, nell'ultimo ventennio la società nerazzurra ha vinto molto meno delle sue rivali tradizionali, la Juventus e il Milan. Eppure, persino a dispetto dei risultati, il popolo interista non si è mai rassegnato né ha registrato defezioni. Anzi, si è moltiplicato. Probabilmente l'Inter, attraverso gioie purissime e atroci tormenti, si è trasformata, per chi la ama, in una categoria dello spirito. Essere interisti significa scegliere di vivere sempre in bilico tra depressione ed euforia: un'emozione continua, forse poco consigliabile ai deboli di cuore, ma che ha forgiato il carattere e sviluppato la pazienza e il fortissimo senso di appartenenza di generazioni di tifosi. Attraverso le poche vittorie e le tante gloriose sconfitte, i momenti magici e quelli tragici, i grandi campioni e i grandi bidoni, Leo Turrini ci racconta una storia unica, lunga ormai un secolo. Si parte dal Meazza, idolo del Duce, per arrivare a Ronaldo, l'eroe rinnegato, e a Adriano, il brasiliano misterioso dei giorni nostri, passando per Sandro Mazzola e Mario Corso, per "Kalle" Rummenigge e Lothar Matthaeus, per Tarcisio Burgnich e Roberto Boninsegna, per Evaristo Beccalossi e Beppe Bergomi. In mezzo, tra dribbling e gol, tra Gianni Brera e Gino Strada, tra Gino Bramieri e Fiorello, tra Ligabue e Vasco Rossi, tra Ignazio La Russa e Armando Cossutta, tra Adriano Celentano e Paolo Rossi, c'è un'Inter che cambia assieme all'Italia.