Libri

DVD

Newsletter

Inserisci la tua email per iscriverti alla newsletter di Libreria dello Sport

Proseguendo accetti la nostra informativa sulla privacy e acconsenti di ricevere messaggi informativi, promozionali e newsletter.
OLTRE LE OLIMPIADI

OLTRE LE OLIMPIADI

COGNETTI FRANCESCO

224

Libri

2020

Disponibilità: 1-2 copie disponibili

€16,00 €15,20

Risparmi € 0,80 (- 5%)

Compra

Storie di vittorie e di atleti che hanno sconfitto il cancro.

Lo sport ha un ruolo fondamentale nella lotta contro molte malattie, compresi i tumori.
 
Tanto che l’attività fisica continuativa rientra a pieno titolo tra le più importanti forme di prevenzione.
 
Ma lo sport comprende anche molte storie di atleti che hanno combattuto la sfida più grande, quella contro il cancro: dalla velocista Raelene Boyle alla tennista Martina Navrátilová, dal velista Santiago Raúl Lange al nuotatore Eric Shanteau.
 
Sportivi diventati campioni due volte, la cui carriera è legata a doppio filo alle Olimpiadi.
 
C’è chi ha vinto un oro poco dopo essersi sottoposto a un’operazione al polmone; chi, partendo da Fregene, reduce da un tumore alle ossa, ha lasciato a bocca aperta il pubblico di Rio, meritandosi il soprannome di «maestro» proprio nella specialità in cui è più difficile stupire i brasiliani.
 
Negli ultimi decenni sono stati raggiunti consistenti avanzamenti nella cura del cancro, tali da consentire a molti malati di guarire completamente e ad altri di convivere con il tumore con un’accettabile qualità di vita.
 
La medicina personalizzata e l’immunoterapia costituiscono le nuove frontiere per il trattamento delle neoplasie.
 
In questo volume, Francesco Cognetti e Mauro Boldrini raccontano dieci tra le storie di sport più emozionanti e, ripercorrendo i progressi dell’oncologia tra un’Olimpiade e l’altra, rivivono la magica atmosfera dei Giochi, da Barcellona 1992 fino a oggi.
 
Oltre le Olimpiadi punta però l’attenzione anche sui tanti medici e ricercatori che il cancro l’hanno combattuto e lo combattono ogni giorno con il proprio lavoro.
 
E che hanno permesso di mettere finalmente da parte l’etichetta di «male incurabile».