Libri

DVD

Newsletter

Inserisci la tua email per iscriverti alla newsletter di Libreria dello Sport

Proseguendo accetti la nostra informativa sulla privacy e acconsenti di ricevere messaggi informativi, promozionali e newsletter.
E CHIAMAVANO ME ASSASSINO

E CHIAMAVANO ME ASSASSINO

TORROMEO DARIO

168

15 x 21

Libri

2009

Disponibilità: Al momento non disponibile. Può essere disponibile in 8-10 giorni lavorativi dalla vostra richiesta

€13,00 €12,35

Risparmi € 0,65 (- 5%)

Compra

Stanley Ketchel non sapeva nè il suo cognome d'arte (con una o due elle?) nè chi fosse il suo vero padre. La boxe gli ha dato più di una certezza: è stato campione del mondo dei medi; è stato soprannominato l'"Assassino"; ha sfiorato il titolo dei massimi.

Per alcuni è stato addirittura il miglior peso medio di tutti i tempi. La vita, oltre alle incertezze, gli ha buttato in faccia anche molte delusioni, troppi dolori, una morte violenta a soli 24 anni. Stanley è riuscito a non essere fortunato anche dopo la morte. Per l'eredità suo fratello ha ucciso il suo presunto padre. Questo libro racconta dunque una storia di violenza e di sofferenza estrema. Come lo sono spesso quelle di chi sale sul ring per conquistare una dignità che la vita quotidiana non è in grado di assicurare. Stanley è uno dei tanti pugili che hanno pagato tutto. Non era un assassino, ma neanche un buono, non è stato nè vittima nè colpevole. E solo la boxe ha saputo farlo esprimere.Dai tempi di Ketchel a oggi il pugilato è molto migliorato: i match non sono infiniti, le regole sono precise, non è più consentito a un atleta di battersi contro un altro che lo sovrasta nel peso. Si è insomma "umanizzato". La vita di tutti i giorni, invece, per i tipi come Stanley è rimasta spietata.

"Una faccia come quella di Stanley Ketchel non può essere creata dal trucco di un artista. Per trovare una faccai così, devi cercare nella cella dei condannati a morte."

Don Morgan, cronista di boxe ai primi del Novecento