Libri

DVD

Newsletter

Inserisci la tua email per iscriverti alla newsletter di Libreria dello Sport

Proseguendo accetti la nostra informativa sulla privacy e acconsenti di ricevere messaggi informativi, promozionali e newsletter.
ALPINE ICE VOL. 2 - LE PIU` BELLE CASCATE DI GHIACCIO DELLE ALPI

ALPINE ICE VOL. 2 - LE PIU` BELLE CASCATE DI GHIACCIO DELLE ALPI

SERTORI MARIO

512

Libri

2019

Disponibilità: Normalmente pronto per la spedizione in 8-10 giorni lavorativi

€32,00

Compra

Italia – Alpi centrali e orientali, Austria e Slovenia.

Dopo 9 anni ecco la seconda edizione di Alpine Ice, opera in 4 lingue e unica nel suo genere in Europa, che presenta una selezione delle più attraenti cascate di ghiaccio tra Francia, Svizzera, Italia, Austria e Slovenia.

Completamente rinnovata nella sua veste grafica e nelle immagini di arrampicata presenta molte novità: valli fantastiche che valgono il viaggio da ovunque si parta, itinerari mitici che hanno fatto la storia dell’iceclimbing e altri poco conosciuti, ma di grande carattere.

Più che raddoppiato il numero delle colate recensite rispetto alla vecchia guida che già era corposa.

Si è reso quindi necessario dividerla in due tomi diversi: Alpine Ice vol.1 Francia, Svizzera, Italia – Alpi occidentale e Alpine Ice vol. 2 Italia – Alpi centrali e orientali, Austria e Slovenia. I due libri sono ovviamente interconnessi e insieme vanno a comporre il quadro completo dell’arco alpino.

Circa 650 sono le scalate descritte in questo secondo volume e, come per il primo, per facilitare coloro che fanno fatica a orientarsi sono state inserite le foto “segnaletiche” di ogni flusso, le coordinate geografiche dei parcheggi e di quasi tutte le vie, tramite un semplice QR code.

Informazioni sempre più precise che non devono però togliere il senso dell’ignoto che permane nell’intraprendere la salita di una cascata, ma vanno immagazzinate e analizzate per poter ridurre al minimo i rischi.

Completano il lavoro alcuni racconti di ascensioni e un ricordo di Luca Vuerich, il fortissimo alpinista friulano scomparso nel 2010.

Insomma, uno scrigno di proposte seducenti per climber avventurosi, un invito a viaggi fuori dalle mete abituali, e un inno alle Alpi più selvagge.