Libri

DVD

Newsletter

Inserisci la tua email per iscriverti alla newsletter di Libreria dello Sport

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
ALFREDO PASOTTI , UN RAGAZZO DI BASTIDA

ALFREDO PASOTTI , UN RAGAZZO DI BASTIDA

ROVATI FRANCO

208

16,5 x 23

Libri

2015

Disponibilità: Limitata

€19,00 €17,10

Risparmi € 1,90 (- 10%)

Compra

L’autore, il quasi sessantenne Franco Rovati da Broni, Oltrepò pavese, è il capace regista di questo libro. Ha attivato molti amici di varia estrazione che compongono la sua diffusa “rete” informativa, persone che con lui condividono la passione per le due ruote per offrire poi un ritratto a tutto tondo del protagonista, Alfredo Pasotti, conosciuto con il soprannome di “Pasutin” (Pasottino) per la conformazione fisica, armoniosa sì ma non proprio da granatiere.

Sono ricordi in diretta, oppure mediati ma tratti e documentati dalle testimonianze di protagonisti dell’epoca, raccolti un po’ in tutte le parti d’Italia e non solo. L’autore e ringrazia tutti i vari contributori con la famiglia Pasotti, l’amministrazione comunale di Bastida Pancarana e vari enti che hanno collaborato alla realizzazione della pubblicazione.

Bastida Pancarana, paese che conta poco più di mille abitanti, è nel territorio dell’Oltrepò, sulla riva destra del Po. Alfredo Pasotti, protagonista del libro, era nato a Bastida Pancarana il 6 gennaio 1925 e qui è scomparso nel 2000. E’ una “gloria” della zona tanto che i cartelli indicatori del territorio comunale recano sotto la scritta toponomastica della località, con grande evidenza, pure la scritta “paese natale di Alfredo Pasotti”.

Bella manifestazione d’affetto e considerazione per un corridore che non è stato un campione, ma ha comunque interpretato con valore e personale, particolare, applicazione, pure con scanzonato approccio, il mestiere del corridore, espressione di quel ciclismo che era, soprattutto nei piccoli centri, un costume di vita.

La prefazione, affidata a Ernesto Colnago, il notissimo costruttore che trae pure gli inizi e la cultura di quel ciclismo, condensa in eloquente.

 

Altri articoli dello stesso autore