Libri

DVD

Libro del Giorno

Newsletter

Inserisci la tua email per iscriverti alla newsletter di Libreria dello Sport

Proseguendo accetti la nostra informativa sulla privacy e acconsenti di ricevere messaggi informativi, promozionali e newsletter.
ALFREDO MARTINI MEMORIE DI GRANDE SAGGIO DEL CICLISMO

ALFREDO MARTINI MEMORIE DI GRANDE SAGGIO DEL CICLISMO

CALAMARI FRANCO

160

17 X 24

Libri

2008

Disponibilità: Il prodotto è Esaurito, ti consigliamo di controllare saltuariamente il sito per verificare l’uscita di una eventuale nuova edizione

€19,00

Esaurito/Non in commercio

Alfredo Martini, professionista nell'epoca d'oro di Coppi, Bartali e Magni, è stato il più grande commissario tecnico nella storia del ciclismo. Ha vinto ben 6 Campionati del Mondo con Moser, Saronni, Argentin, Fondriest, Bugno (due volte) e Cipollini (come supervisore azzurro).
A 86 anni è una delle menti più lucide dello sport mondiale. Presidente onorario della Federciclismo, uomo di grande umanità e profonda cultura sportiva, è il testimone vivente di una disciplina, il ciclismo, che conserva un'immensa popolarità. Da anni raccoglie memorie, aneddoti e curiosità sugli avvenimenti e i personaggi che hanno attraversato la sua vita. Franco Calamai, suo grande amico oltre che inviato della Gazzetta dello Sport per trent'anni, li ha raccolti e organizzati in un libro che è il racconto di una vita straordinaria e lo spaccato di un'epoca che va dalle corse sulle strade sterrate degli anni '30 fino al terzo millennio di Armstrong, Basso e Bettini.

I CAPITOLI
Martini racconta di quando faceva il bibliotecario a Sesto Fiorentino e si allenava con Bartali facendo anche 300 chilometri in un giorno. Gino parlava sempre, lui, ad un certo punto non aveva più la forza per rispondere.

Di quando era compagno di stanza di Fiorenzo Magni ed entrambi furono scelti come riserve per il Mondiale di Valkenburg '49.

Dei Tour de France 1949 e '52 vinti da Coppi, con Martini gregario azzurro.

Del Giro d'Italia vinto come direttore sportivo di Gosta Peterson, uno dei 4 fratelli svedesi.

Di come riusciva a far convivere Moser e Saronni nella stessa Nazionale.

Di come convinse Bugno che poteva vincere il Mondiale di Benidorm 1992.

Di come ha vissuto gli ultimi anni travagliati dal doping.