Libri

DVD

Newsletter

Inserisci la tua email per iscriverti alla newsletter di Libreria dello Sport

Proseguendo accetti la nostra informativa sulla privacy e acconsenti di ricevere messaggi informativi, promozionali e newsletter.
100 ANNI DI PISTOIESE

100 ANNI DI PISTOIESE

AA.VV.

816

16,5 x 23,5

Libri

2020

Disponibilità: Al momento non disponibile. Può essere disponibile in 8-10 giorni lavorativi dalla vostra richiesta

€38,00 €36,10

Risparmi € 1,90 (- 5%)

Compra

Rallenta più che puoi, macchina inesorabile del tempo, perché la Pistoiese ha 100 anni ed è doveroso tramandare, con calma, ai posteri le sue vittorie, le sue gioie, le sue sconfitte, le sue lacrime.

Voglio scegliere nel grande album della memoria, qualche immagine, qualche episodio, che magari fra tanti anni, chi lo leggerà, capirà cosa sia successo.

È il 1° giugno 1980, la Pistoiese ospita il Lecce nel campionato di serie B 79/80.

Cielo terso, fa molto caldo, circa spettatori 15.000.

Alla Pistoiese basterebbe un solo punto per coronare un sogno impossibile dopo 51 anni.

Passano i minuti, passa il primo tempo, non succede praticamente niente.

Manca un quarto d'ora alla fine e la partita entra nella sua fase più emotiva.

Frustalupi (38 anni), guida l'armata che 90° minuto chiama dei vecchietti, Rognoni (34), Saltutti (33), Lippi (32), Luppi (32), Berni (31), si cercano, si trovano, tengono il pallone, beffeggiano il tempo.

I minuti passano, il pubblico si ammutolisce perché si rende conto che sta per avverarsi qualcosa di straordinario.

Ma ecco che l'arbitro Altobelli di Roma fischia la fine.

È finita, un boato assordante saluta questo straordinario evento. La gente con le bandiere si riversa sulla pista d'atletica e sul prato.

Ma è vero?

Si è tutto vero, e tutti, ma proprio tutti non riescono a trattenere le lacrime.

Piangono i tifosi, dirigenti, giocatori, personale dello stadio, raccattapalle.

Ma ecco spuntare, semi spogliati Borgo, Berni, Guidolin, Lippi, che tengono un immenso bandierone e corrono sulla pista festanti seguiti dai tifosi.

Vai piano macchina del tempo perché è bello tramandare questi momenti di grande felicità.

Tutti si abbracciano e si asciugano gli occhi, anche persone che non si sono mai conosciute.

Lo stadio, piano piano si svuota e le bandiere ora sventolano nelle strade, nelle piazze, dai balconi. Pistoia è tutta colorata del colore più bello che c'è, perché è un colore vivo, gioviale, leggero, entusiasmante, dinamico.

La gioia continua fino a tarda notte e poche ore dopo, sorgerà un altro giorno... sempre dello stesso colore.

Questo avvenne quel giorno.